L’ Arena di Verona.

L’ Arena di Verona: il monumento più conosciuto della città.

 

Arena di VeronaL’ Arena di Verona, anfiteatro romano la cui origine risale al I°secolo, grandioso ed imponente da più di duemila anni sorveglia le attività cittadine da una posizione che diventa nel tempo sempre più centrale rispetto alla città.

Il monumento, che ha vissuto una vita di oscurità e glorie, ha servito a usi diversi, nobili e meno nobili, e ha subito terremoti, alluvioni e molti restauri.

Nata per ospitare spettacoli, l’ Arena di Verona non è certo che fosse utilizzata per il martirio di cristiani, ma molto più probabilmente serviva nel periodo romano per ospitare spettacoli di gladiatori e di caccia.

Di epoca medievale sono i primi restauri, finalizzati ancora ad ospitare spettacoli, ma in questo periodo storico l’ Arena subì anche i danni peggiori, causati da inondazioni e alcuni terremoti disastrosi che fecero cadere gran parte della cinta esterna. Nel tempo l’ Arena di Verona divenne anche fortezza a difesa della città e a fasi alterne fu utilizzata come cava di marmo per la costruzione di altri edifici di Verona.

Solo più tardi si cercò di interrompere la distruzione del monumento, che nel frattempo fu anche luogo malfamato e abitazione riservata a prostitute o luogo di baratti e sede di giochi e giostre.

Quindi una serie di restauri, manutenzioni e scavi e ancora l’utilizzo per spettacoli come quello della caccia dei tori, ancora popolare nel 1800, epoca in cui si ebbero anche i primi spettacoli di musica lirica. Ma l’ Arena di Verona ospita anche eventi civili o militari, pirotecnici o circensi.

Arena di Verona - AIDA

Aida – Allestimento 1913

L’inizio ufficiale della stagione lirica si avrà con la rappresentazione di Aida del 1913 e da allora l’ Arena di Verona si consacra il più grande teatro lirico all’aperto di tutto il mondo.

Oggi l’ Arena sta al passo con i tempi, ospitando accanto agli eventi di opera lirica, manifestazioni musicali di musica leggera contemporanea di grande successo e fama internazionale.

 

 

Comments are closed