Verona e le sue chiese: il Duomo, Cattedrale dedicata a S.Maria Matricolare

Duomo di Verona: la Cattedrale dedicata a Santa Maria Matricolare.

Duomo di Verona ovvero Cattedrale di Santa Maria Matricolare Il Duomo di Verona: il primo riferimento all’esistenza di una piccola basilica situata nell’area dove ora si trova il complesso del Duomo si trova in un sermone pronunciato da San Zeno, vescovo di Verona, probabilmente proprio in occasione dell’inaugurazione della prima “basilichetta” datata nella seconda metà del IV secolo.

Circa sessanta centimetri sotto le fondamenta e i bellissimi pavimenti di una basilica paleocristiana, fu infatti individuata una chiesa più piccola e più antica che riconosciuta come quella oggetto di quella predica. Questo edificio, costruito all’interno delle mura cittadine, divenne il centro del culto cattolico in città e fu quindi la Cattedrale di Verona.

La storia del Duomo inizia con la ricerca archeologica delle basiliche paleocristiane, cui seguì la cattedrale carolingia, una ricostruzione romanica, di cui conserva la struttura architettonica, e una ristrutturazione quattocentesca. Al complesso del duomo appartengono anche il battistero di San Giovanni e la chiesa di Sant’Elena. Fu intorno al VIII/IX secolo che la chiesa venne spostata nell’area dove tutt’ora si trova, fu dedicata a Santa Maria Matricolare e consacrata Cattedrale. Il Duomo è l’edificio sacro più importante della città, sede vescovile ma anche chiesa-santuario dove si venera la Madonna del Popolo e dell’Assunta, a cui il 15 agosto è dedicata la festa popolare nel vicino quartiere storico della “Carega”.

presbiterioDi rilievo l’area presbiteriale del Duomo il cui progetto fu del maggiore architetto cinquecentesco veronese, Michele Sanmicheli, e che consiste in un elegantissimo tornacoro semicircolare a marmi policromi che concorda con la semicircolarità della cupola. Al centro del tornacoro uno splendido Crocefisso in bronzo e sulla volta, sul catino e sull’arco trionfale una decorazione di affreschi tra cui spicca l’Assunzione di Maria e gli Apostoli a suggellare la definitiva dedicazione della chiesa a Santa Maria Assunta. Da non dimenticare che entrando in Duomo, sulla sinistra si trova una pala dell’Assunta di Tiziano Vecellio.

Comments are closed