Gli Arcade Fire ieri in concerto al Castello di Villafranca di Verona

Gli-Arcade-Fire-nel-castello-di-Villafranca-di-Verona_h_partbArcade Fire: grande evento musicale a Villafranca di Verona

La pioggia non ha disturbato il concerto degli Arcade Fire ieri sera al Castello di Villafranca di Verona, seconda delle due tappe del tour italiano della band canadese. Il susseguirsi di lampi nel cielo sullo sfondo della splendida cornice delle mura del  Castello scaligero ha invece accresciuto il fascino della location Villafranchese ospite da anni di un Festival musicale di tutto rispetto, che vede la partecipazione di artisti italiani ed internazionali  di chiara fama e grande livello musicale, attirando così un vasto pubblico anche straniero.

Reduci dal primo appuntamento, andato in scena a Roma il 23 giugno 2014 all’Ippodromo delle Capannelle, dove hanno già ottenuto un grande successo, gli Arcade Fire hanno replicato con poche variazioni la scaletta musicale già proposta nella capitale e che già aveva incantato il pubblico della capitale.

Il sound tipico degli Arcade Fire nell’album doppio “Reflektor” uscito ad ottobre, che ha subito scalato le classifiche internazionali, si rinnova con tocchi dance e ritmi caraibici, glam-rock e spunti new wave molto coinvolgenti che il pubblico veronese ha molto apprezzato.

Sul palco villafranchese circa una dozzina di artisti hanno inscenato uno spettacolo musicale armonicamente coerente in cui gli strumenti più disparati si alternano producendo un insieme originale e di grande effetto.

Anche le scenografie nella cornice “più bella in cui abbiamo suonato“, hanno contribuito a rendere perfetta una serata durante la quale si è temuto lo scatenarsi degli eventi atmosferici: solo dopo una pioggia di coriandoli che ha accompagnato gli Arcade Fire durante gli ultimi brani in scaletta, è arrivata la pioggia vera che ha reso difficile il fluire del pubblico.

Il Castello scaligero di Villafranca di Verona si conferma una location perfetta: manca solo un servizio di autobus/treno che la colleghi a Verona in modo da permettere di recarsi ai concerti senza l’auto, evitando gli inevitabili intasamenti.

 

 

Comments are closed